, , ,

Festival del Recupero di Pianetto

Redazione

L’08 e 09 ottobre 2022 nel borgo di Pianetto di Galeata (FC) in collaborazione con Osteria La Campanara va in scena il Festival del Recupero di Pianetto

Sostenibilità e recupero in ambito enogastronomico: convegni, incontri, spettacoli e molto altro in compagnia di chef, osti, gelatieri, vignaioli, artigiani e bartender del Recupero, ma non solo.

Questo autunno torna il Festival del Recupero di Pianetto, organizzato dall’Associazione Culturale Tempi di Recupero per raccontare, condividere e confrontarsi sui temi di sostenibilità e recupero in ambito enogastronomico.

Tempi di Recupero è rete e condivisione fra protagonisti che danno vita al Festival del Recupero di Pianetto, una due giorni di cultura, storie, persone, prodotti e proposte enogastronomiche all’insegna della sostenibilità e dell’alta qualità. In questa occasione tanti protagonisti del settore raccontano la loro filosofia del recupero, attraverso degustazioni di piatti e vini, storie, il mercato dei produttori, il gelato artigianale, lo street food e le cene a più mani; oltre a spettacoli teatrali, concerti e dj set accompagnati dai cocktails del recupero. 

Sono tre i temi portanti: l’acqua e la sua gestione – le azioni che possiamo mettere in campo perché sia utilizzata al meglio e al meglio conservata –  la difesa e il sostegno della montagna – tutela dei territori montani nelle loro specificità, a partire dai suoi abitanti e come creare le condizioni perché siano zone di ripopolamento – e la cucina circolare – la cucina del recupero prevede l’uso integrale delle materie prime: a partire da pane, pasta, bucce e carni, tutto è utile a sedurre il palato, le tasche e il pianeta.

Il fulcro del Festival è la Rete di Tempi di Recupero che con i suoi soci è cuore pulsante dell’associazione. Dalla rete nasce la volontà e necessità di incontrarsi e così nasce il festival. Durante le due giornate sono previsti incontri, convegni, laboratori, degustazioni, il mercato, spettacoli e musica, collaborazioni, scambi e amicizia, tra persone provenienti da diverse regioni come Piemonte, Trentino Alto Adige, Lombardia, Liguria, Veneto, Marche, e ovviamente Emilia Romagna, con il recupero e il rispetto reciproco come comune denominatore. L’associazione ha progettato un festival di ampio respiro con ospiti trasversali del mondo enogastronomico e non solo, considerati gli interventi di intellettuali, docenti e musicisti.